Le Pinze di Pasqua

Mentre voi in Italia fate tanta festa alle colombe noi qui in Tirolo a Pasqua mangiamo le PINZE.

Ecco a voi questa nostra ricetta tipica!

Anche per le Pinze bisognerebbe utilizzare i pirottini come per il pandoro. Qui si trovano nei normali supermercati, in mancanza dei pirottini di carta va benissimo un contenitore in silicone abbastanza doppio ed ALTO dove far crescere e cuocere la pinza. Il silicone non necessita altri grassi per evitare che l’impasto attacchi. Oppure il ruoto in alluminio da imburrare.

INGREDIENTI

  • 500gr di farina “00”
  • 250ml di latte
  • 30ml di acqua
  • 50gr di zucchero
  • 20gr di lievito fresco
  • 70gr di margarina a temperatura ambiente
  • 1/2 cucchiaio di sale
  • 2 cucchiai di marmellata di albicocche o di frutti di bosco
  • Olio

Se si usa la Pasta madre

  • 250 ml di latte
  • 450 gr di farina
  • 20 ml di acqua
  • 50gr di zucchero
  • 100 gr di pasta madre solida rinfrescata
  • 70gr di margarina a temperatura ambiente
  • 1/2 cucchiaio di sale
  • 2 cucchiai di marmellata di albicocche o di frutti di bosco
  • Olio

In generale si consiglia di fare lievitati pesanti con burro e uova con la pasta madre solida e non con il licoli.

PROCEDIMENTO

Nella campana mettere la farina.

Intanto, riscaldare il latte, insieme allo zucchero e all’acqua (non fare bollire il latte solo intiepidire, i liquidi troppo caldi potrebbero uccidere i lieviti.)

Aggiungere il lievito e mescolare finché non si è sciolto deltutto.

Aggiungere al composto il latte, la margarina o burro a piacere ed il sale.

Mixare il composto prima con la figlia poi quando inizia ad essere tutto perfettamente incorporato procedere con il gancio ad uncino, a velocità medio/bassa, oppure amalgamare gli ingredienti con un cucchiaio di legno, dentro una ciotola.

Formare una palla, coprire con un canovaccio inumidito e mettere a lievitare in un luogo caldo oppure dentro il forno spento, ma con lucina accesa!

Nel caso usiate la pasta madre potete scegliere di mettere il composto in frigo ma il giorno dopo avrà comunque bisogno di almeno 5 ore per tornare a temperatura ambiente e concludere la prima lievitazione.

Quando siete sicuri che il composto abbia raddoppiato mescolate la marmellata con un po’ d’acqua.

Riprendere l’impasto e formare 3 a 5 panetti tondi e pirlatteli come fareste con il panettone.

Adagiateli l’uno accanto all’altro nei pirottini o nella teglia dai bordi alti in modo che la forma guidi l’impasto verso l’alto.

Attendere il raddoppio coprendo l’impasto con la plastica per evitare che si asciughi

Spennellate in superficie le palline di acqua e marmellata ed infornate.

Oppure fate una pagnotta unita ed a centro dovete eseguire il taglio ad Y tipico della pinza profondo circa 3 cm. Spennellate di marmellata ed infornate!

Preriscaldare il forno a 180 gradi C (oppure 350 gradi F), e cuocere le pinze per 20’/25’, dipende dalla loro grandezza e dalla forza del vostro forno fino a che il cuore non abbia raggiunto i 90 gradi. Usate un termometro ad immersione.

Se la temperatura al cuore sale sopra i 90 gradi l’impasto sarà molto più secco e si conserverà per meno tempo.

Una volte cotte, lasciare raffreddare !

Bene, questo é tutto Buon Appetito ed a me é venuta l´acquolina solo a scriverla…